Italiano English Deutsch
Italiano
English
Deutsch
 
< homeLA STORIA

La Brizio Salumi nasce nel 1939 dal genio di Matteo Brizio, per tutti “Nonno Materìn”.

Passione ed esperienza, doti riconosciute a Nonno Materìn tanto dai clienti quanto dai collaboratori, gli consentono di mettere a punto alcuni prodotti che in poco tempo “conquistano” la Provincia Granda e diventano l’emblema stesso della Salumeria Piemontese.


Nonno Materìn e famiglia di fronte all'antica bottega nel centro di Venasca (anni '50)Particolari dell'interno della bottega di Nonno Materìn nel centro di VenascaParticolari dell'interno della bottega di Nonno Materìn nel centro di VenascaNonno Materìn controlla la stagionatura dei salami (foto dei primi anni '80)

Nonno Materìn con il figlio Giovanni Brizio (attuale titolare dell’Azienda)I dipendenti Brizio davanti allo stabilimento (1990), in occasione dell’ottenimento dell’autorizzazione CEEAlcune fasi dello stampaggio dei prosciutti cottiLa legatura manuale dei salami

Nonno Materìn con figlio, nuora e nipotini in una fotografia di fine anni ‘90


L'AZIENDA OGGI

Grazie a un percorso di crescita che non ha conosciuto interruzioni nel tempo, oggi “Brizio” è identificato come il più importante salumificio tradizionale della Provincia di Cuneo.

Un marchio che, forte del rigoroso rispetto della Tradizione Piemontese, si afferma sempre di più ai vertici dell’eccellenza agroalimentare della nostra Regione con un costante sviluppo: oltre 50 persone fra dipendenti e collaboratori, importanti partner commerciali nel campo della moderna distribuzione e una presenza capillare sul mercato del dettaglio tradizionale  Piemontese e del Nordovest ne sono la piena dimostrazione.

Il marchio Brizio continua a portare in tavola la genuinità di un tempo e la qualità della tradizione valligiana dal sapore antico, senza per questo rinunciare all’innovazione nella produzione, all’attenzione verso le esigenze della vita moderna, così come al benessere del consumatore.
I prodotti Brizio sono, infatti, senza glutine e sono presenti sul prontuario dell’A.I.C. (Associazione Italiana Celiachia).